Wine in Sanremo

Wine in SanremoC'è un tipo di turismo che non conosce crisi e che, anzi, negli ultimi anni è cresciuto enormemente.
Si tratta del turismo del vino che vede milioni di persone andare per vigne e cantine alla ricerca della qualità. Per loro è stato coniato un nuovo termine: enoturisti, e creati eventi come Wine in Sanremo, che per 3 giorni ha portano nella capitale turistica del Ponente ligure, Sanremo, oltre un centinaio di produttori in arrivo da diverse  regioni italiane, ma anche dall'estero, con oltre 600 vini in degustazione.
Una manifestazione nata per iniziativa di un gruppo di imprenditori sanremesi, coordinati e guidati da Roberto Verrando, già presidente dell'associazione Vini in teatro e proprietario di una storica enoteca cittadina. Il via con una verticale di Brunello di Montalcino Col D'Orcia, poi ancora una verticale di Solare, prestigioso rosso toscano, infine una degustazione di Moscatello di Taggia.
Wine in SanremoProtagonista della seconda giornata è il Piemonte con una batteria di degustazioni dedicate ai grandi classici. Si è iniziato con una degustazione orizzontale di Barolo e Barbaresco di Pio Cesare, condotta da Franco Alesso. A seguire la presentazione di uno studio sulla zonazione del Rossese, con Filippo Rondelli. Poi una verticale di quattro annate storiche Barbera Bricco dell'Uccellone, in occasione dei 30 anni di uscita di questo grande vino, a cura del responsabile commerciale dell'azienda Braida, Sergio Zucca, e ancora un tasting di Barolo 2011 di aziende come Batasiolo, Damilano, Ca’ Viola, Conterno Fantino, Andrea Oberto, Pio Cesare.
Interessante il terzo giorno la verticale di Pinot Nero dell'azienda Edoardo Miroglio di Elenovo in Bulgaria, che ha fatto conoscere un terroir conosciuto fin dall'antichità per la vocazione vinicola, quello della Tracia. E ancora degustazioni di grappa, confronto di rossi siciliani, vini da dessert.
Il Palafiori accanto ai vini ha proposto anche momenti gourmet con il ristorante stellato sanremese Paolo e Barbara che ha proposto piatti della tradizione locale.
Renato Girello

Condividi con i tuoi amici!

 

Questo sito utilizza cookie tecnici per consentire la fruizione ottimale del sito e cookie di profilazione di terze parti per mostrare pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso all'installazione di qualsiasi cookie clicca qui. Chiudendo questo banner acconsenti all'uso dei cookie. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information